Prendendo vitamine e ferro con tè

Prendere le vitamine con alcune bevande può ridurre l’efficienza di assorbimento. Tannini e caffeina in molte varietà di tè interferiscono con la capacità del corpo di assorbire alcune vitamine e minerali, in particolare il ferro. I tè a base di erbe, d’altra parte, aumentano l’assorbimento. Inoltre, prendendo le vitamine insieme ad altri integratori, come il ferro, non è sempre efficiente poiché alcune sostanze nutrienti necessitano di alimenti grassi nello stomaco e negli intestini da assorbire correttamente.

Le basi del tè

In generale, esistono tre categorie di tè principali: tè nero, tè verde e tisane. I tè neri, come Earl Grey e English Breakfast, vengono comunemente consumati in tutto il mondo e contengono i tannini e la caffeina più tipici dei tè, secondo David Hoffman, autore di “Herbalism medica”. I tannini sono composti che fanno tè nero e rosso I tè verde sono più comunemente consumati nei paesi asiatici, ma anche dagli americani che sono interessati a diversi gusti e alle proprietà antiossidanti e grassi del tè verde. Il tè verde contiene praticamente nessun tannino e meno quantità di caffeina Rispetto ai tè neri, anche se i metodi di fermentazione influenzano notevolmente il contenuto di caffeina. Le infusioni a base di erbe, come la camomilla, vengono spesso definite come tè e di solito non contengono tannini o caffeina.

Affetto della caffeina

La caffeina inibisce i recettori della vitamina D all’interno del tuo corpo, che limita la quantità assorbita quando si prendono forme supplementari, secondo il libro “Regolazione metabolica: una prospettiva umana” di Keith Frayn. I livelli ridotti di vitamina D influenzano l’assorbimento e l’uso del calcio nella costruzione di forti ossa. La caffeina mostra effetti diuretici, che provocano l’urina più frequentemente. Aumentate percentuali di urinazione e perdita di liquidi possono ridurre le concentrazioni di vitamine idrosolubili come le vitamine del complesso B e la vitamina C. Inoltre, la caffeina interferisce con il metabolismo della vitamina B1 o la tiamina. Tuttavia, la caffeina stimola la produzione di acido dello stomaco, che può aiutare il vostro corpo ad assorbire la vitamina B12. Per quanto riguarda il ferro, la caffeina riduce notevolmente i tassi di assorbimento nell’intestino, fino all’80%, secondo la “Biochimica medica: Metabolismo umano in salute e malattia”.

Affetto di tannini

I tannini non sembrano influenzare l’assorbimento delle vitamine, ma si legano al ferro e bloccano il suo assorbimento nei vostri intestini, come citato nel libro “Nutrizione e guarigione delle ferite” di Joseph Molnar. La carenza di ferro porta ad anemia e sintomi di stanchezza, vertigini e metabolismo ridotto, tra gli altri. Oltre alla caffeina e ai tannini, altri prodotti dietetici che interferiscono con l’assorbimento del ferro includono uova, latte, formaggio e crusca. Consultare il proprio medico se è necessario integrare con ferro.

raccomandazioni

Assunzione di integratori di vitamine e di ferro con tè nero e verde è meglio evitata e si dovrebbe attendere almeno un’ora per prendere qualsiasi integratore se sei un tè o un bevitore di caffè. Alcuni tisane a base di erbe, come il tè all’anca di rosa, effettivamente aumentano l’assorbimento del ferro a causa del suo elevato contenuto di vitamina C. I tisane sono anche ideali per il consumo notturno a causa della loro mancanza di caffeina e delle proprietà sedative lieve, in particolare i tè alla radice di camomilla e valeriana.